Il problema non è il problema

Il problema non è il problema, ma la incapacità di andare avanti di fronte alle avversità. È la perdita della possibilità di trasformazione, una decisione puramente interna, che dipende solo da se stessi.

Avrai due interlocutori durante questo processo: l’ego che ti farà sentire punito ingiustamente, dal momento che ha la certezza che non meriti queste difficili esperienze e ti relegherà nella peggiore delle prigioni, la vittimizzazione. Dall’altro lato abbiamo l’anima, lo spirito eterno di cui siamo fatti, che anela l’evoluzione e sa che la codardia non cambia la realtà.

La difficoltà è grave? Morte, malattia con conseguenze irreversibili, amori che se ne vanno, fallimenti dolorosi…E quindi?….Impossibile da invertire esternamente? Può essere la Vita, dicendoci che i cambiamenti devono avvenire dentro di noi.

No, non è facile e nessuno ha detto il contrario.

Parli così perché non è successo a te, diranno in molti. Non è successo a me, non questa volta ma tutti senza eccezione, affrontano le proprie battaglie.

Ognuno ha dei problemi nell’esatta misura che servono per la sua evoluzione. L’ego di chi soffre ha un enorme difficoltà a capire tutto ciò. Alla fine, siamo tutti buoni e quasi perfetti, vero? Si e no. Tutti camminiamo verso la pienezza, ma la strada è lunga è irta e diventa piena di ostacoli nella misura in cui il viaggiatore si incaponisca nell’appoggiare il piede in malo modo. Il non capire la maniera corretta di camminare rende il viaggio più difficile e più lungo. Vuoi cambiare il Cammino? Basta cambiare la tua maniera di camminare. Renditi conto del fatto che puoi strisciare o volare durante l’attraversata e chi decide sei tu. Zampe o ali? Devi solo comprenderlo, evolvi e trasforma te stesso. Le tradizioni sciamaniche, che cercano la saggezza nella natura, dicono che questa è la lezione della farfalla. Il potere è tuo.

Così semplice? Si e no.

Per qualche tempo ho vissuto la routine di un ospedale specializzato nella cura del cancro. Ho incontrato persone davvero felici, come non si erano mai sentite prima, per aver contratto la malattia. Strano? No. La vicinanza con la morte ha dato un nuovo significato alle loro vite, chiarezza nell’osservare e anche una ragione per vivere. I loro valori sono cambiati, il punto di vista è cambiato e anche l’importanza di tutte le cose.

Una cara amica ha visto il suo grande amore andare via. Dopo vari momenti di molta tristezza e non accettazione, capì che la vera felicità è solo dentro di ognuno di noi e davvero in nessun altro posto o persona già che nessuno ha la forza o l’obbligo di rendere felice l’altro. Solo quando ci bastiamo, comprendiamo e amiamo la nostra propria compagnia, senza nessuna traccia di dipendenza emozionale, saremo pronti per condividere la purezza e, ancora più importante, la vera libertà di amare qualcuno. Si, solo quando capiamo che pur essendo meraviglioso stare al lato di chi amiamo, ciò non può essere indispensabile per la nostra felicità. L’indispensabile per essere felici è l’incontro con te stesso. La mia amica accettò la sfida di cambiare punto di vista sulle cose e su se stessa, e, solo allora riuscì a vivere una vera e autentica storia d’amore.

Una nota famiglia, molto ricca, a causa di decisioni errate e di congiunture macroeconomiche sfavorevoli, si ritrovò sul lastrico in un lasso di tempo molto breve. Alcuni membri sprofondarono in depressione e ci furono addirittura alcuni casi di suicidio. Altri invece, trovarono la forza per reinventarsi e la gioia nella scoperta che le migliori storie sono quelle di superamento. Ognuno fece la sua scelta. Partendo dalla stessa materia prima ogni artista scrisse la propria opera. Quello che per alcuni fu un dramma dal finale triste, per altri fu la più incredibile storia delle loro vite.

Si, tutto si riassume nelle scelte, e presta attenzione, ne facciamo molte nell’arco di una sola giornata. Per quanto assurdo possa sembrare, davanti a ogni difficoltà cerca di rasserenare il cuore e la mente. Disperazione, paura e rabbia sono i peggiori consiglieri. Con calma, coraggio e audacia, in poco tempo, ti renderai conto di avere a disposizione tutti i mezzi per affrontare il problema.

Cerca di rimanere con lo spirito forte aguzzando e elevando sempre di più il tuo livello di coscienza per affrontare le difficoltà quando sorgeranno. È bene ricordarsi che molte situazioni, che in un passato recente, ti hanno tolto il sonno, oggi sono irrilevanti nella tua memoria.

Il vero guerriero è forte mentalmente e spiritualmente. Lui è il più grande alleato di se stesso nelle più grande battaglie, così come è il suo più pericoloso avversario. Le principali battaglie si svolgono dentro di noi.

L’importante è capire che le difficoltà fanno parte della vita, le migliori soluzioni sono quelle che elaboriamo dentro noi, già che denotano trasformazioni evidenti. Vivere vuol dire evolvere. I problemi insegnano preziose lezioni. Sono maestri travestiti.

Discussioni — Nessuna reazione