Libero pensiero non è solo pensare

Le peggiori prigioni sono quelle che non hanno sbarre. L’illusione della libertá é il carcere piú crudele, già, che non ti permette di vedere i limiti delle tue scelte, e percepire il fatto che, le tue frontiere sono ogni giorno piú ristrette e, al contrario di quel che sembra,  limita la grandeza e impallidisce i colori del tuo mondo. Il pensiero libero, l’ indipendenza delle idee, l’ accettazzione del diverso esige sforzo, coraggio e rischio, merci rare negli scaffali delle menti e dei cuori.

Il mondo ha sempre guardato storto le voci fuori dal coro,  che contestano e rendono difficile  , il controllo e gli affari di quelli che pensano che gli altri non sono li per condividere, ma per servire. Chi non si adegua rimane isolato dal resto del mondo, è un marginale.

Non parlo di quelli che confondono coraggio con violenza o di quelli che si danno alla criminalità per ignoranza o codardia. Mi riferisco agli uomini piú saggi e coraggiosi della Storia, queli che toglievano il sonno ai generali senza nessun cenno di aggressività o violenza. Gesù fu il miglior esempio, ma ne abbiamo altri più moderni come Martin Luther King o Mahatma Gandhi che mise in ginocchio il potente esercito britannico usando come armi la saggezza di un pensiero diverso e, il coraggio della disobbiedenza, il tutto, unito all’amore del cammino della non violenza.

La società crea la falsa sensazione che, per essere accettati, bisogna appartenere a qualche gruppo, sarà più facile controllarti se sei all’interno di un modello prestabilito con dei limiti ben definiti.

Ne esistono tanti di modelli già pronti. Ne scegli uno e fai una specie di contratto, come quelli con gli operatori telefonici o una Tv via cavo, accettando i concetti e preconcetti, idee formattate e inscatolate, che definiscono quello che è giusto o sbagliato, cosa è permesso e cosa no. Ti vesti come loro, incominci ad usare un linguaggio consono e a frequentare gli stessi locali. Un processo di massificazione, omogeneizzazione e pastorizzazione. Rinunci allla tua parte migliore per essere accettato all’interno di un gruppo nella speranza di essere felice. Cosí facendo rinunci a te stesso. Ti ha fatto venire in mente il Faust? E già, pur mantenendo le dovute proporzioni si tratta esattamente di questo. Scambi il pensiero libero per un po’ di consenso e pseudo felicitá. Il “sistema” ringrazia!

Gli uomini liberi pensano di forma globale, sono cittadini del mondo, sono solidali, ma sanno che ognuno è único. Non esiste nessun altro uguale a te. C’é belleza in ognuno di noi, ognuno a modo suo, come pezzi diversi che compongono un bellissimo mosaico.

L’affanno delle tante novitá quotidiane ti fa dimenticare quello che realmente c’è di nuovo. Le vere novità sono quelle in grado di apportare cambi strutturali e non solo cambiameti superficiali.

In verità la storia ci insegna che furono le persone che credettero che tutto poteva essere diverso e migliore che trasformarono il mondo, diventando un esempio vivente di cambiamento. Usarono le loro vite come materia prima di una grande opera d’arte, minando le basi dello status quo, fecero in modo che il mondo avanzasse. Queste sono le persone che fanno la differenza, quelle che hanno avuto il coraggio di pensare in maniera diversa. Si trasformarono in eroi per il semplice fatto di non accettare il ruolo di comparsa, i limiti che gli furono imposti, le catene che gli impedivano di volare. A volte siamo come il bruco che si meraviglia davanti alla belleza del volo della farfalla, senza sapere, che anche noi abbiamo le ali.

Sarà per caso giunta l’ora di fare pulizia nei tuoi concetti e idee?Trasformarsi nei protagonista delle tua vita? Lo puoi fare, hai questo potere. Una insurrezione nel tuo modo di pensare, un’analisi attenta di quello che di fatto è tuo e di quello che ti fu imposto senza che te ne accorgessi. Rifletti sopratutto su cos’é che ti spinge ad agire in automatico e vedi se ha senso. Se, nel fondo del cuore, sei davvero d’accordo con quelle idee o le segui per semplice comoditá o paura di non essere accettato.

Un buon trucco è quello di notare se la tua maniera di pensare e il tuo comportamento porta dolore e sofferenza agli altri. Se si, è ora di cambiare. Seminare allegria sul nostro camino ci aiuta a mantenerla dentro. Durante questo proceso ti conoscerai meglio e, nonostante i fiori e le spine che fanno parte di tutti i cammini, sará meraviglioso. Alla fine sei tu la tua migliore compagnia. Non ti stranire se le persone incominceranno a fare commenti su di uno strano luccichio nei tuoi occhi.

Sii l’eroe della tua propria rivoluzione, della trasformazione della tua anima. L’unica maniera di cambiare il mondo è cambiando se stessi.

 

Gentilmente tradotto da Fabio Mancin.

Discussioni — Nessuna reazione