Il caos è del bene

Di solito usiamo la parola caos per riferirci a una situazione

di disordine e confusione nel mondo o nella nostra vita. 

In diverse tradizioni mitologiche,

il caos significa un vuoto senza forma e senza limiti

che ha portato alla nascita dell’universo.

Nella tradizione platonica è uno stato di disarmonia

che precede un nuovo ordine.

L’I Ching insegna che il caos porta la tempesta

che permette alla vita di rifiorire.

In Fisica il termine viene utilizzato

per spiegare un sistema dinamico

che evolve secondo la legge deterministica,

sensibile a piccoli cambiamenti iniziali.

In un certo senso,

tutte le definizioni combaciano.

Il caos è una leva per l’evoluzione.

Personale e di tutta l’umanità.

La legge dell’evoluzione è inesorabile.

Avanziamo per gusto o imposizione,

quello determinerá il grado di difficoltà

e il tempo del processo.

La comprensione e le scelte

determinano a ciascuno i dolori e le delizie

della traversata.

La vita va avanti in cicli.

È un grande ciclo composto da innumerevoli altri cicli più piccoli,

che si comportano come scale di apprendimento

nell’incrocio infinito verso la Luce.

Se guardiamo indietro e prestiamo un po ‘di attenzione,

non avremo difficoltà ad identificare diversi cicli

che abbiamo già vissuto.

La casa di genitori,

accademici,

professionisti,

affettuosi,

paternità o maternità,

luoghi diversi in cui viviamo,

sono esempi facili da vedere,

ognuno dei quali può essere suddiviso in più altri.

Ogni ciclo contiene una lezione essenziale

per la nuova parte del viaggio

in cui è necessario essere migliori e diversi

per affrontare nuove sfide.

Quando ci rifiutiamo di imparare la lezione,

il ciclo viene ripetuto all’infinito,

come se il treno facesse un giro circolare per tornare alla stessa stazione.

Chi ha avuto la sensazione che la stessa situazione si ripeta tante volte,

con l’aspetto di un libro già letto?

E ti ritrovi a chiederti perché quel conflitto è così ricorrente?

Questi sono segni che sei intrappolato in quel ciclo.

La vita è antagonista a qualsiasi tipo di prigione.

Affinché la pagina venga voltata definitivamente,

è necessario che si capisca cosa deve essere appreso e modificato.

Quindi il ciclo finirà e inizierà un altro ciclo.

La fine di un ciclo è necessariamente l’inizio di uno nuovo.

Accade che spesso rimaniamo fermi in un ciclo per conforto o dipendenza.

Consapevolmente o inconsciamente

sappiamo cosa deve essere cambiato,

ma ci mancano forza,

volontà o dignità.

Poi c’è la meravigliosa figura del caos

come se impugnasse un potente martello

per demolire vecchie forme e concetti.

Il vecchio mondo rimane distrutto in modo che il nuovo

possa prendere il suo posto spingendoci verso l’evoluzione.

Nel primo momento,

l’ignoto fa paura installando disarmonia nelle menti ancora infantili

con la falsa e ingenua sensazione della fine del mondo,

quando in realtà è solo la donna delle pulizie a ripulire il casino,

getta via la spazzatura per riordinare la casa in modo diverso migliore.

Inizia a svilupparsi un nuovo universo.

Poiché le dita del caos sono lunghe,

in quel momento non siamo stati in grado di capire esattamente cosa ci porta,

facendo sì che l’insicurezza domini le azioni.

Non è raro che le persone si disperino.

Tuttavia,

sappiamo che grazie alla distruzione causata dal caos,

i rapporti con le basi dipendenti vengono interrotti

per aprire opportunità per nuovi legami,

costruiti all’interno di sentimenti e idee più nobili;

scompaiono i posti di lavoro

per forzare il salvataggio di doni e talenti sopiti,

che,

risvegliati dal rumore delle frane,

finiscono per togliere l’amarezza

presentando vernici nuove e,

fino ad allora, sconosciute,

che coloreranno la strada del viaggiatore;

l’invito fatto dalla morte porta il senso della vita nelle menti distratte;

l’orrore della guerra mostra il valore della pace.

Fai solo attenzione,

le lezioni si riversano ovunque.

Capire e accettare che tutto,

assolutamente tutto,

che accade nella nostra vita è per il nostro bene

è un concetto estratto da quasi tutte le tradizioni

ed è una delle lezioni incorporate nel caos.

Solo la distanza fornita dal tempo e la chiarezza dello sguardo

ci permettono di capire e di ringraziare ciò che il falò del caos

ha incenerito nella nostra vita.

La vita non verrà mai a patti con la stagnazione.

Cortesemente tradotto da Fernando Machado

Discussioni — Nessuna reazione