‘Le tue ali hanno le dimensioni del tuo cuore’

Spesso ci troviamo sull’orlo dell’abisso.

Conflitti affettivi,

problemi professionali,

truffe familiari, assomigliano al dirupo

che in caduta ci minaccia e ci ruba la pace.

Il desiderio sincero di cambiare la direzione della nostra vita,

iniziando un nuovo lavoro più consono ai nostri veri doni e talenti,

un rapporto d’amore privo di bugie e pregiudizi,

un nuovo filo per cucire il tessuto sfilacciato di famiglia

la cui usura,

così vecchia,

è andata perduta nei vicoli della memoria

ci sono temi di attualità che affliggono tutti in urla silenziose

nel centro delle coscienze e dei cuori.

Qual è il modo più saggio per attraversare un deserto rovente,

con i suoi pericoli intrinseci,

le assenze d’acqua e di vita,

i serpenti e gli scorpioni che lo abitano?

Qual è il modo più intelligente per raggiungere la vetta del monte

affrontando l’asprezza della roccia verticale e il forte vento

che fischia nelle orecchie per il pericolo di imminente caduta?

Nel corso dei secoli,

carovane e alpinisti ci hanno offerto preziose lezioni

di determinazione e distacco necessari per affrontare tali sfide.

“Anche l’aquila”,

mi soffiò all’orecchio un vecchio e caro sciamano del popolo Navajo,

come una dolce brezza estiva.

“L’aquila ha il potere di attraversare le sabbie calde

e sfilare negli alti canyon senza alcuna sofferenza”.

Canção Estrelada,

come divenne noto dopo che si svegliò il suo dono di,

attraverso le sue parole,

cantate o meno,

tenendo in mano una lampada accesa nella notte oscura dei suoi fratelli,

la capacità di guardare il mondo dall’alto si riferiva a come occhi di un’aquila.

“Cambiare l’angolo di visione ti permette di osservare tutto e tutti dall’altra parte.

O mille altri volti nell’infinito che la vita permette.

Un muro può essere un ostacolo insormontabile sul suo cammino,

ma se guardato dall’alto, con gli occhi dell’uccello,

non sarà altro che un graffio di gesso sul terreno.

In effetti,

quasi tutti i muri sono alti come un’unica traccia nella sabbia della strada ”,

confidò il saggio in una notte fredda mentre la conversazione scorreva

riscaldata dalle fiamme del fuoco autunnale.

“Quanti viaggi sono stati interrotti

solo perché non si sapeva prendere in prestito

gli occhi dell’aquila”,

si lamentava.

Ho subito chiesto come sarebbe stata possibile una tale visione.

Con il modo particolare in cui i popoli nativi condividono la loro saggezza ancestrale,

Canção Estrelada mi ha guardato profondamente negli occhi

e dopo un breve silenzio come se aspettassi che il vento soffi la parola migliore,

mi ha detto di mostrare le mie ali all’aquila perché i voli alti richiedono grandi ali.

Così avrebbe capito quanto in alto potevo avventurarmi.

Ho chiesto quanto sarebbero state grandi le mie ali,

ma ancora non capivo appieno la lezione.

“Le tue ali sono grandi come il tuo cuore,”

rispose con la sua voce morbida,

quasi in un sussurro con lo sguardo perso

nel bagliore di una stella lontana.

Ho offerto una manciata di tabacco e Canção Estrelada mi ha onorato

condividendo la stessa pipa.

Il suo fumo ha portato i nostri ringraziamenti agli spiriti ancestrali

per averci permesso di arrivare a quel punto.

Abbiamo fumato in silenzio per ore che non so contare

e con la giornata quasi iniziata,

la preziosa lezione è finita.

“La strada infinita della vita si riassume nella salita per comprendere

e nell’attraversamento del vivere i mille volti dell’amore.

Dalla sua forma più primitiva e oscura

manifestata attraverso la gelosia e la pretesa di possedere qualcuno

alla grandezza dell’amore incondizionato di amare l’altro come se stessi.

Lezione presente in tutte le tradizioni, da est a ovest.

Abbiamo iniziato il viaggio con ali così piccole

che non possiamo nemmeno rischiare qualche spazzata per sollevarci da terra

e permetterci di guardare appena oltre la fitta nebbia mattutina.

Questo rende il mondo piccolo e conflittuale,

poiché le pietre più piccole sono enormi ostacoli.

Il bisogno viscerale di volare,

l’evoluzione è inerente alla specie,

ti costringe a creare le condizioni affinché le tue ali,

poco a poco,

acquistino dimensioni e i tuoi voli,

altezza.

La saggezza di capire che tutto ciò che sei e hai

si riduce a quanto amore puoi condividere,

definisce fino a che punto puoi accompagnare l’aquila

e usare i tuoi occhi.

Non sei stato tu a offrirmi il tabacco che abbiamo appena fumato,

ma la vita che ti ha offerto le condizioni e ti ha reso uno strumento.

Mi hai dato il tuo tempo e la tua attenzione.

L’umiltà, il distacco e la gioia sono modi per ringraziare e rispettare,

perché ciò che la vita ha dato, la vita prende.

Tutto ciò che rimane per l’eternità e attira il tuo spirito

è l’amore che hai condiviso.

Questo è veramente tuo e questa è l’ora esatta del tuo volo.

Possano le tue ali avere viaggi sempre più arditi

nella pace che abita le grandi altitudini dell’essere ”.

‘Le tue ali hanno le dimensioni del tuo cuore’

Testo di Yoskhaz

Spesso ci troviamo sull’orlo dell’abisso.

Conflitti affettivi,

problemi professionali,

truffe familiari, assomigliano al dirupo

che in caduta ci minaccia e ci ruba la pace.

Il desiderio sincero di cambiare la direzione della nostra vita,

iniziando un nuovo lavoro più consono ai nostri veri doni e talenti,

un rapporto d’amore privo di bugie e pregiudizi,

un nuovo filo per cucire il tessuto sfilacciato di famiglia

la cui usura,

così vecchia,

è andata perduta nei vicoli della memoria

ci sono temi di attualità che affliggono tutti in urla silenziose

nel centro delle coscienze e dei cuori.

Qual è il modo più saggio per attraversare un deserto rovente,

con i suoi pericoli intrinseci,

le assenze d’acqua e di vita,

i serpenti e gli scorpioni che lo abitano?

Qual è il modo più intelligente per raggiungere la vetta del monte

affrontando l’asprezza della roccia verticale e il forte vento

che fischia nelle orecchie per il pericolo di imminente caduta?

Nel corso dei secoli,

carovane e alpinisti ci hanno offerto preziose lezioni

di determinazione e distacco necessari per affrontare tali sfide.

“Anche l’aquila”,

mi soffiò all’orecchio un vecchio e caro sciamano del popolo Navajo,

come una dolce brezza estiva.

“L’aquila ha il potere di attraversare le sabbie calde

e sfilare negli alti canyon senza alcuna sofferenza”.

Canção Estrelada,

come divenne noto dopo che si svegliò il suo dono di,

attraverso le sue parole,

cantate o meno,

tenendo in mano una lampada accesa nella notte oscura dei suoi fratelli,

la capacità di guardare il mondo dall’alto si riferiva a come occhi di un’aquila.

“Cambiare l’angolo di visione ti permette di osservare tutto e tutti dall’altra parte.

O mille altri volti nell’infinito che la vita permette.

Un muro può essere un ostacolo insormontabile sul suo cammino,

ma se guardato dall’alto, con gli occhi dell’uccello,

non sarà altro che un graffio di gesso sul terreno.

In effetti,

quasi tutti i muri sono alti come un’unica traccia nella sabbia della strada ”,

confidò il saggio in una notte fredda mentre la conversazione scorreva

riscaldata dalle fiamme del fuoco autunnale.

“Quanti viaggi sono stati interrotti

solo perché non si sapeva prendere in prestito

gli occhi dell’aquila”,

si lamentava.

Ho subito chiesto come sarebbe stata possibile una tale visione.

Con il modo particolare in cui i popoli nativi condividono la loro saggezza ancestrale,

Canção Estrelada mi ha guardato profondamente negli occhi

e dopo un breve silenzio come se aspettassi che il vento soffi la parola migliore,

mi ha detto di mostrare le mie ali all’aquila perché i voli alti richiedono grandi ali.

Così avrebbe capito quanto in alto potevo avventurarmi.

Ho chiesto quanto sarebbero state grandi le mie ali,

ma ancora non capivo appieno la lezione.

“Le tue ali sono grandi come il tuo cuore,”

rispose con la sua voce morbida,

quasi in un sussurro con lo sguardo perso

nel bagliore di una stella lontana.

Ho offerto una manciata di tabacco e Canção Estrelada mi ha onorato

condividendo la stessa pipa.

Il suo fumo ha portato i nostri ringraziamenti agli spiriti ancestrali

per averci permesso di arrivare a quel punto.

Abbiamo fumato in silenzio per ore che non so contare

e con la giornata quasi iniziata,

la preziosa lezione è finita.

“La strada infinita della vita si riassume nella salita per comprendere

e nell’attraversamento del vivere i mille volti dell’amore.

Dalla sua forma più primitiva e oscura

manifestata attraverso la gelosia e la pretesa di possedere qualcuno

alla grandezza dell’amore incondizionato di amare l’altro come se stessi.

Lezione presente in tutte le tradizioni, da est a ovest.

Abbiamo iniziato il viaggio con ali così piccole

che non possiamo nemmeno rischiare qualche spazzata per sollevarci da terra

e permetterci di guardare appena oltre la fitta nebbia mattutina.

Questo rende il mondo piccolo e conflittuale,

poiché le pietre più piccole sono enormi ostacoli.

Il bisogno viscerale di volare,

l’evoluzione è inerente alla specie,

ti costringe a creare le condizioni affinché le tue ali,

poco a poco,

acquistino dimensioni e i tuoi voli,

altezza.

La saggezza di capire che tutto ciò che sei e hai

si riduce a quanto amore puoi condividere,

definisce fino a che punto puoi accompagnare l’aquila

e usare i tuoi occhi.

Non sei stato tu a offrirmi il tabacco che abbiamo appena fumato,

ma la vita che ti ha offerto le condizioni e ti ha reso uno strumento.

Mi hai dato il tuo tempo e la tua attenzione.

L’umiltà, il distacco e la gioia sono modi per ringraziare e rispettare,

perché ciò che la vita ha dato, la vita prende.

Tutto ciò che rimane per l’eternità e attira il tuo spirito

è l’amore che hai condiviso.

Questo è veramente tuo e questa è l’ora esatta del tuo volo.

Possano le tue ali avere viaggi sempre più arditi

nella pace che abita le grandi altitudini dell’essere ”.

Cortesemente tradotto da Fernando Machado.

Discussioni — Nessuna reazione