Il sacro vive nel tuo cuore

Una volta ho visto un film, di questi hollywoodiani, con molta azione,

dove il protagonista era un freddo assassino professionista

che era perseguitato sia dalla polizia che dalla mafia.

La sua apparente indifferenza per qualsiasi tipo di sentimento

era la nota fondamentale della sua personalità e la ragione principale

della sua nefasta efficienza.

Tuttavia,

durante la sua fuga ha portato sempre con sé un vaso di piante,

se non mi sbagli, come fa molto tempo, con un’orchidea.

Quell’unico fiore era il depositario di tutto e l’unico amore

che quest’uomo conosceva.

Lui aveva cura con lei,

perché era necessario metterla al sole, annaffiarla,

vegliare su eventuali piaghe per non morire.

La pianta era motivo di preoccupazione,

poiché dipendeva completamente da lui per rimanere in vita;

l’orchidea aveva la capacità di tirare fuori il meglio da un uomo

che era diventato brutale nella sua coscienza.

Quel fiore era sacro.

Sacro è tutto ciò che ci collega alla divinità,

che ci permette di esercitare i nostri sentimenti più nobili,

ci insegna ad essere persone migliori e fa leva sulla nostra evoluzione.

Su un piccolo altare che ho a casa ci sono diversi oggetti apparentemente banali,

ma portano un significato così personale da renderli sacri per me.

Alcune persone più distratte non si rendono nemmeno conto

che una parte importante del mio tempio risiede lì.

Ad esempio, ho tre giocolieri da circo.

Quando mi ritiro per le mie riflessioni, meditazioni e preghiere,

mi ricordano che distribuire gioia ovunque vada

è il modo migliore per ringraziare la Vita per le benedizioni

e le lezioni messe a mia disposizione durante il viaggio.

Sono sacri per me.

Il sacro è nascosto nel profano.

In tutte le tradizioni religiose gli avatar che li hanno ispirati

erano contrari al culto delle immagini.

Tuttavia, le chiese e i templi di tutto il mondo ne sono pieni.

Si sbagliano?

No.

Ed è necessario capire la differenza.

L’oggetto in sé non porta alcun potere,

tuttavia esiste il sacro in una statua di Buddha o Francesco d’Assisi

ed è importante ricordarci le sue lezioni di saggezza e amore,

mappa e bussola per guidare il viaggio verso il Sole.

Dal momento in cui qualcosa svela il velo delle ombre in modo che

i sentimenti più sottili fungano da righello e di bussola,

diventa sacra.

Il sacro sarà dove si trova il tuo cuore.

Come per gli oggetti comuni, è nelle nostre relazioni quotidiane,

siano esse familiari, professionali o sociali, semplici o complesse,

che possiamo scoprire e rivelare il meglio di noi.

Le persone che amiamo, per ovvie ragioni, saranno sempre sacre,

poiché riponiamo su di loro i nostri migliori e incondizionati sentimenti.

Uno sconosciuto che ci porta complicazioni può anche diventare sacro

se da questo rapporto arriviamo a comprendere e vivere forme più sublimi

di saggezza e amore.

La ragione delle difficoltà è soltanto alzare la nostra evoluzione.

Lo stesso vale per i luoghi sacri.

Gerusalemme, La Mecca, Budigaia, Fatima o Sedona

sono luoghi in cui i pellegrini hanno ancorato per secoli le loro migliori energie

e indubbiamente hanno molta forza e ti fanno sentire diverso se ne sei aperto.

Tuttavia, non possiamo dimenticare che il mare è un santuario;

le foreste e le montagne sono cattedrali; la tua casa, un tempio.

Ogni spazio che ti permette di connetterti all’altra sfera è divino.

Ogni luogo che ci permette di mettere l’ego in dialogo con l’anima

farà risplendere la luce più pura.

Tutto ciò che tocca il tuo cuore è sacro.

Uno sguardo, un abbraccio o un bacio

possono essere mondani o sacri,

a seconda dei sentimenti depositati.

Un atto di compassione sincero e umile sarà sempre, sempre, sacro.

Idem per qualsiasi atto di buona volontà o quando la tua scelta

privilegia l’amore rispetto a qualsiasi altro interesse.

Il sacro dimora dolcemente nel tuo cuore.

Invitalo a ballare con te in tutte le canzoni del Gran Ballo della Vita!

Gentilmente tradotto da Fernando Machado.

Discussioni — Nessuna reazione