C’è coraggio soltanto dove prima esisteva la paura

Le storie di finzione hanno incantato l’umanità dall’inizio dei tempi

perché rivelano segreti nascosti nell’inconscio.

Sebbene interferiscono con il nostro modo di essere,

spesso richiedono tempo per essere decodificati.

Proprio lì, nell’inconscio, perché è un territorio selvaggio,

le ombre agiscono e finiscono per cambiare le nostre vite.

Attraverso le avventure immaginarie narrate nei libri o sugli schermi,

l’eroe affronta pericolosi cattivi, incontra difficoltà inaspettate,

ha bisogno di superare limiti, impara con perdite e frustrazioni

per trovare alla fine il tesoro più grande:

se stesso.

La fiction, alla fine, racconta la storia di ognuno di noi 

travestito da altri vestiti, scenografie e trucchi.

Il bisogno che abbiamo dell’eroe nasce quando

identifichiamo il coraggio indispensabile per affrontare i nostri draghi

e permettere al meglio di noi di prosperare.

Il guardiano di quel ponte che tutti devono attraversare è la paura.

La paura è il padre di tutte le ombre.

La gelosia nasce dalla paura che la persona amata ci abbandoni;

l’invidia nasce dalla paura che la vita dell’altro sia più bella della nostra;

la rabbia non è altro che paura di guardarsi allo specchio

e di affrontare chi siamo veramente;

il dolore nasce nel momento in cui la nostra paura

cerca di difenderci dai nostri limiti;

la vittimizzazione nasce dalla paura di negare le sfide insite nell’evoluzione;

la fuga dalla realtà è la paura di affrontare la verità.

La lista è enorme,

ma abbiamo sempre la paura vicina

provando di impedirci di camminare per la fantastica e infinita

Via della Luce.

“Le più grandi battaglie si combattono dentro di noi”,

ripeteva il vecchio monaco del monastero della montagna.

Ignorare la prigione lo rende ancora più crudele.

Gli eroi si chiamano così solo perché hanno osato affrontare le proprie ombre,

próprio quelle che temiamo di più o che fingiamo di non esistere.

“C’è coraggio soltanto dove prima esisteva la paura”,

ha avvertito.

La paura nasce dall’istinto di sopravvivenza dell’animale

e può essere utile per avvertire del pericolo prossimo.

Solo questo, perché al di là di questa paura diventa ombra,

domina e imprigiona nelle cantine di sentimenti densi e pensieri oscuri.

Nella prigione senza sbarre della paura, di solito neghiamo la cella

perché non vediamo cosa ci limita, paralizza o ci toglie del nostro sentiero.

Più del sesso, del potere o del denaro è la paura che finisce per muovere

una parte del mondo. Però nella via sbagliata.

Tutto ciò che la vita vuole da noi è il coraggio.

Coraggio di immergerti dentro te stesso,

di conoscerti completamente e di trasformarti.

Lasciare alle spalle idee e atteggiamenti obsoleti,

inventare un nuovo modo di essere.

Coraggio di accettare e abbracciare il percorso, dopo averlo visto.

Quindi, coraggio per affrontarlo.

Questo è il coraggio di affrontare la paura nascosta

negli oscuri labirinti dell’anima con le lampade dell’amore e della saggezza.

Sì, le nostre ombre sono i grandi avversari da affrontare, capire e trasformare.

Con ogni ombra illuminata, è come se l’eroe – non dimenticare,

ognuno è l’eroe della propria storia – acquisisse una nuova spada o magia

e diventasse più forte per continuare la sua missione

per salvare la bella e amata principessa.

In altre parole, lucidare la pietra dell’esistenza finché non viene rivelato

il diamante dell’anima. Luce pura.

Questo è ciò a cui servono le storie,

questo è ciò che le storie vogliono rivelarci.

Si noti che in alcuni settori della vita abbiamo già camminato con tranquillità

e privati ​​di ogni paura. Le situazioni che un tempo li terrorizzavano,

ora sono completamente superate, permettendoci di muoverci

senza grandi spaventi o tensioni.

Non rappresentano più ostacoli.

Significa che abbiamo già avuto il coraggio

di affrontare alcune delle nostre paure.

Si tratta di difficoltà e traumi ancestrali,

sociali o culturali che ci impediscono di dire “sì”

quando comprendiamo che sia corretto,

di dire “no” quando ci ferisce,

di scegliere liberamente chi vogliamo essere e dove andare

(anche se molti, ancora perseguitati da paure e pregiudizi,

gridare che abbiamo torto o chiederci di ritirarci).

Infine, per vivere al meglio la nostra essenza.

Dalla paura della camera oscura dell’infanzia

all’affrontare un superiore nell’ambiente di lavoro,

quando siamo in disaccordo con il suo modo di agire,

ma restiamo in silenzio per paura di perdere il lavoro o, per paura di conflitti,

nello stabilire limiti necessari nella vita familiare per trovare la vera pace a casa.

Così, a poco a poco, potremo affinare la percezione,

districare le scelte e rivelare la bellezza che esiste dentro ognuno di noi

nella misura esatta in cui affrontiamo le paure e ci trasformiamo.

“Ogni momento di questo significa una battaglia vinta.

In questo istante sorridi con te stesso in silenzio come forma di preghiera,

hai acquisito un nuovo dono. Le paure sono riti di passaggio,

o portali, che, una volta superati, migliorano e rafforzano il vagabondo

nella grande traversata della vita.

Il coraggio dell’eroe risiede nell’anima di tutti.

Usalo “, ha insegnato il vecchio monaco.

Gentilmente tradotto por Fernando Machado

Discussioni — Nessuna reazione